CERCA TANA

Garbato un ultimo sole primeggia

La bici a spinta si allontana

E s’inoltra

Spine d’aereo formano una greppia

Nel cielo

E pinnacoli rari di cipresso pungono l’aria

In basso, dove si spazia di sguardo

E il pensiero si cerca

E quasi mano

Spuntano cime d’erbe nello spoglio

E una cima d’ airone.

E come spesso accade qui e pedalando

La fronte suscita suoni

Gli orecchi succhiano sibilo di vento

E mi chiedo come sia diventata capace

Io proprio

Di scoprire odore d’acqua e di fossi

Come fossi naso di bestia

Ma è così che divento quando succhio il vento

Mi cresce pelliccia

E orecchie e coda

Nuota sangue animale nelle braccia

E spunta foglia e rama

E cerca tana.

4-10-18

 

 

 

Annunci

13 pensieri su “CERCA TANA

  1. Magnifica, densa di musica e di significato!

    Non sono una maestrina, ma suggerirei di cambiare un “fossi”, ch’è a distanza ravvicinata:
    Di scoprire odore d’acqua e di fossi
    Come fossi naso di bestia

    Ripeto, non sono nessuno è la tua poesia è meravigliosa anche così.
    Alla prossima (tua) lettura (incantevole), Irene

    Piace a 1 persona

  2. Pingback: A Nadia | ilcielostellatodentrodime.blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...